Risultati di Marmomacc 2016

oggetti-di-design-con-il-marmo

La 51ª edizione di Marmomacc, la più importante manifestazione mondiale per marmi, graniti, tecnologie di lavorazione, design e formazione chiude oggi, confermando la Fiera di Verona centro dell’interscambio globale di pietra naturale.

Edizione sempre piú internazionale, con +5% di visitatori stranieri. Tra i mercati di riferimento conferme da Stati Uniti, Germania, Spagna; progressi per gli operatori cinesi; incremento dei buyer della Gran Bretagna. 

Maurizio Danese, presidente di Veronafiere, spiega che la 51ª edizione é stato un successo rappresentato da un quartiere fieristico sold out, con tutti i 12 padiglioni e le aree esterne occupate, per un totale di oltre 80mila metri quadrati espositivi (+4% sul 2015). Marmomacc è oggi la piattaforma b2b e di promozione con più internazionalità, commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere. In questa edizione gli arrivi di visitatori dall’estero sono aumentati del 5%, superando il 60% del totale.

Tra queste presenze, anche gli oltre 300 nuovi top-buyer e architetti stranieri selezionati come parte delle delegazioni commerciali ufficiali, in rappresentanza di 32 nazioni, con il debutto di Nigeria e Mozambico.

Nei quattro giorni di fiera, grande attenzione è stata riservata a iniziative dedicate al mondo del design e della formazione. Sono andati in scena anche due eventi frutto delle nuove partnership con Architectural Record e Archmarathon.

Restano, invece, esposte anche per tutto il mese di ottobre, le installazioni in pietra di Marmomacc & the City, nel centro storico di Verona.

La 52ª edizione di MarmoMacc è in programma a Veronafiere, dal 27 al 30 settembre 2017.